I Cookies ci aiutano a migliorare i nostri servizi, cliccando sul pulsante "Accetto" si acconsente all'utilizzo di tali Cookies. Proseguendo nella navigazione senza cliccare il pulsante, l'accettazione sarà considerata implicita.
Il documento relativo alla trattazione dei Cookies in questo portale web verrà visualizzato premendo il pulsante "Cookies Policy".

"DALI'. Il sogno del Classico"

Dopo la mostra su Toulouse Lautrec dello scorso anno l'11 ottobre 2016 la classe 2 S

si è recata di nuovo a Pisa in visita guidata alla Mostra "DALI'. Il sogno del

Classico" accompagnata dalle prof.sse Mariella Calabresi e Stefania Caroti .

La mostra presenta importanti opere che mostrano la grande ispirazione che Dalì trae

dalla tradizione italiana e dai grandi Maestri soprattutto rinascimentali.

La guida dopo  una breve introduzione sull'esposizione in corso e sull'artista, ha

iniziato la visita con un'analisi interattiva delle opere; gli alunni sono stati

stimolati, attraverso l'osservazione dei soggetti, dei colori, della pennellata, a

mettere in atto lo spirito di osservazione, di riflessione e di memoria visiva. In

questo modo l'opera d'arte è diventata un punto di partenza per arrivare a

raccontare percezioni e rappresentazioni personali, vicine al quotidiano.

Successivamente il gruppo è stato accompagnato nelle sale di Palazzo Blu

appositamente adibite a laboratorio didattico per approfondire l'analisi di alcune

opere in mostra. Il laboratorio "Guide per un'ora. Dentro Salvador Dalì" è servito

per imparare a leggere un'opera d'arte. I ragazzi, divisi in gruppi hanno analizzato

un'opera in mostra e successivamente hanno esposto la loro analisi ai compagni

divenendo loro stessi critici e guide.

L'intento di educare a una visione non passiva dell'esperienza artistica e di saper

vedere dentro un'opera d'arte un mondo vivo e comprensibile a tutti è pienamente

riuscito: gli alunni hanno sorpreso insegnanti e guide con l'analisi dei dipinti e

loro riflessioni con richiami al quotidiano; le opere d'arte  sono state scomposte,

analizzate e non considerate come un elaborato cristallizzato nel tempo, incapaci di

parlare al mondo attuale, ma sono state rese vive e capaci di comunicare alla nostra

sensibilità.