I Cookies ci aiutano a migliorare i nostri servizi, cliccando sul pulsante "Accetto" si acconsente all'utilizzo di tali Cookies. Proseguendo nella navigazione senza cliccare il pulsante, l'accettazione sarà considerata implicita.
Il documento relativo alla trattazione dei Cookies in questo portale web verrà visualizzato premendo il pulsante "Cookies Policy".

Progetto ENI

Il 15 settembre, nell’Aula Magna del nostro Istituto, è avvenuta la firma dei contratti di apprendistato di I livello fra l’azienda ENI e i venti studenti della classe 4 ACEM.

E’ l’atto finale di un percorso iniziato l’8 giugno scorso con la firma del protocollo d’intesa MIUR, MLPS ed ENI, finalizzato a promuovere la piena integrazione tra impresa e istituzioni scolastiche.

In Italia 6 scuole sono state coinvolte, fra cui il nostro Istituto con una classe quarta dell’articolazione Chimica e Materiali.

L’apprendistato di I livello, come l’ASL, rientra nella legge 107 cosiddetta della “buona scuola”.

Il contratto sottoscritto dai nostri studenti è di 2 anni e copre il 4° e 5° anno.

Durante questo biennio i ragazzi si recheranno in azienda tutti i lunedì, per seguire formazione in aula, on the job, e e-learning su piattaforme aziendali. Altre ore di lezione sono previste durante le vacanze, sia estive che natalizie e pasquali. Al termine del biennio le ore di formazione aziendale ammonteranno a circa 930.

Naturalmente gli studenti avranno il loro periodo di ferie ed è prevista anche una piccola retribuzione.

Grande importanza verrà data alla formazione sulla sicurezza, dando ai ragazzi informazioni fruibili in qualunque altro campo lavorativo. 

E’ importante sottolineare che il programma di formazione aziendale è stato stilato dai responsabili ENI in collaborazione con i docenti delle materie di indirizzo della classe 4ACEM, in modo da creare il più possibile sinergia fra le competenze acquisite nella scuola e quello che è richiesto nel mondo del lavoro.

Gli studenti frequenteranno regolarmente le lezioni dal martedì al sabato.

Grande impegno verrà richiesto agli studenti, ma questo non ha spaventato i nostri ragazzi: le richieste di far parte alla classe sono state superiori ai posti disponibili, per cui è stato necessario fare una selezione, sulla base delle valutazioni scolastiche ottenute durante lo scorso anno scolastico e con un colloquio condotto dai responsabili ENI.