Piano triennale dell’offerta formativa

 Piano triennale dell’offerta formativa (Scarica .pdf)

 

SOMMARIO 

Iter di approvazione............................................................................................................... 4 

1. LE LINEE DEL PIANO .......................................................................................................... 4 

1.1 Le linee dell’Atto di Indirizzo (Allegato n.1) .......................................................................... 4 

Gli obiettivi formativi .................................................................................................................. 4 

Le strategie formative ................................................................................................ ............... 5 

1.2 Il Piano di Miglioramento (Allegato n.2) ............................................................... ............... 6 

Priorità e traguardi ................................................................................................................... 6 

Obiettivi di processo del PdM .................................................................................................... 6 

Obiettivi di processo per l’a.s. 2015-16 ....................................................................................... 6 

2. IL CONTESTO ........................................................................................................................ 7 

2.1 Popolazione scolastica e risorse professionali ......................................................................... 7 

2.2 Territorio e capitale sociale .................................................................................................... 7 

La storia dell’Istituto ................................................................................................................... 7 

Aspetti culturali, economici e sociali del territorio .......................................................................... 7 

2.3 Risorse economiche e materiali: l’ambiente di apprendimento .................................................. 7 

a. Strutture fisiche (Allegato n.3) ................................................................................................. 7 

b. Organizzazione dei processi didattici ......................................................................................... 8 

I Regolamenti (Allegato n.4) ........................................................................................................ 8 

Il Patto educativo di corresponsabilità (Allegato n.5)....................................................................... 8 

2. 4 Risorse professionali ............................................................................................................. 8 

L’organigramma (Allegato 6) ........................................................................................................ 8 

Le funzioni strumentali al POF ...................................................................................................... 8 

3. I PROCESSI DIDATTICI .................................................................................................... 9 

3. 1 Il curricolo ..................................................................................................................................................... 9 

Il Curricolo nazionale ...................................................................................................................... 9 

Il Curricolo d’Istituto ....................................................................................................................... 9 

A) Il primo biennio ......................................................................................................................... 10 

Conoscenze, abilità e competenze del primo biennio.......................................................................... 10 

B) Gli indirizzi: il secondo biennio e l’ultimo anno ............................................................................. 10 

Competenze del secondo biennio e dell’ultimo anno ......................................................................... 11 

Conoscenze ed abilità (Allegati da 7 a 10) ....................................................................................... 14 

3.2 Tempi e quadro orario ............................................................................................................... 15 

3.3 Superare la didattica trasmissiva ................................................................................................ 23 

3.4 La valutazione ............................................................................................................................................. 24 

Tabelle degli indicatori e dei descrittori (Allegato 15) .................................................................... 29 

3.5 L'inclusione e la valorizzazione delle eccellenze ............................................................................. 31 

a) L’inclusione ................................................................................................................................................ 31 

b) La valorizzazione delle eccellenze ...................................................................................................... 35 

3.6 Continuità e orientamento ....................................................................................................................... 36 

a) Orientamento in entrata ......................................................................................................................... 36 

b) Orientamento in itinere .......................................................................................................................... 37 

c) Orientamento in uscita ............................................................................................................................ 37 

3.7 I Dipartimenti del Collegio....................................................................................................................... 38 

3.8 Comitato Tecnico Scientifico ................................................................................................................... 39 

3.9 Attività formative per gli studenti che non si avvalgono dell’IRC ............................................. 39 

3.10 Le educazioni ............................................................................................................................................ 40 

Educazione alla salute................................................................................................................................. 40 

Educazione all’ espressività ........................................................................................................................ 40 

Educazione alla legalità ............................................................................................................................... 41 

Educazione all’attività sportiva ................................................................................................................. 41 

3.11 Progetto “PP&S” (Problem Posing & Solving) ................................................................................ 42 

4. I PROCESSI STRATEGICI .......................................................................................... 42 

4.1 Il piano di formazione e il portfolio delle competenze dei docenti .......................................... 42 

4.2 Operare per il miglioramento del clima relazionale e del benessere organizzativo ......... 45 

4.3 Pari opportunità e uguaglianze di genere .......................................................................................... 46 

4.4 Le azioni di Primo Pronto Soccorso ...................................................................................................... 47 

4.5 Verifica risultati a distanza ....................................................................................................................... 47 

4.6 Integrazione con il territorio ................................................................................................................... 48 

4.7 Alternanza scuola-lavoro .......................................................................................................................... 49 

4.8 Azioni del PTOF coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale ............................................. 50 

4.9 Il registro elettronico: dematerializzazione e trasparenza ......................................................... 51 

4.10 L’autovalutazione d’Istituto e il RAV.................................................................................................. 51 

4.11 La sicurezza ............................................................................................................................................... 52 

4.12 I rapporti con le famiglie ........................................................................................................................ 53 

4.13 L’agenzia formativa ................................................................................................................................ 54 

5. IL FABBISOGNO DI PERSONALE ............................................................................ 57 

5.1 Fabbisogno posti comuni e sostegno ................................................................................................... 57 

5.2 Fabbisogno personale Ata ........................................................................................................................ 60 

5.3 Fabbisogno di posti di potenziamento................................................................................................. 61 

Tracciabilità con atto di indirizzo ............................................................................ 62 

ALLEGATI .......................................................................................................................... 65 

 

 

Allegato1 Atto di indirizzo ............................................................................................................................... 65 

Allegato2 Piano di miglioramento ................................................................................................................ 70 

Allegato 3 Tabella strutture ............................................................................................................................ 81 

Allegato 4 I Regolamenti ................................................................................................................................. 82 

Allegato 5 Il Patto educativo di corresponsabilità.................................................................................. 94 

Allegato 6 Risorse professionali .................................................................................................................... 98 

Allegato 7 Articolazione Chimica e materiali ........................................................................................ 100 

Allegato 8 Articolazione Biotecnologie ambientali ............................................................................. 115 

Allegato 9 Articolazione Biotecnologie sanitarie ................................................................................. 122 

Allegato 10 Articolazione Meccanica e meccatronica ........................................................................ 129 

Allegato 11 Articolazione Elettronica e robotica ................................................................................. 136 

Allegato 12 Articolazione Elettrotecnica e automazione .................................................................. 144 

Allegato 13 Articolazione Informatica e telecomunicazioni ............................................................ 152 

Allegato 14 Il corso per gli adulti ............................................................................................................... 158 

Allegato 15 Tabelle degli indicatori e dei descrittori ......................................................................... 158 

Iter di approvazione 

Il presente Piano triennale dell’offerta formativa è stato elaborato, ai sensi di quanto previsto dalla legge 107/2015. La Dirigente Scolastica ha comunicato al Collegio, in data 30/10/2015, il proprio Atto di Indirizzo che risulta allegato al verbale (Allegato n.2 del verbale del Collegio dei Docenti n. 5 del 30/10/2015). 

Il piano ha ricevuto il parere favorevole del collegio dei docenti nella seduta del 13/01/2016; è stato approvato dal consiglio d’istituto nella seduta del 14/01/2016; è stato inviato all’USR competente per le verifiche di legge ed in particolare per accertarne la compatibilità con i limiti di organico assegnato; all’esito della verifica in questione, ha ricevuto il parere favorevole, comunicato con nota prot. ______________ del ______________ ; Il piano è pubblicato nel portale unico dei dati della scuola. 

1. LE LINEE DEL PIANO 

1.1 Le linee dell’Atto di Indirizzo (Allegato n.1

L’Offerta Formativa si articola tenendo conto non solo della normativa e dell'Atto di Indirizzo della DS, ma facendo anche riferimento a vision e mission condivise e dichiarate nei piani precedenti, nonché del patrimonio di esperienza e professionalità che negli anni hanno contribuito a costruire l’immagine della scuola. L’elaborazione del Piano tiene conto delle priorità, dei traguardi e degli obiettivi individuati nel RAV per rispondere alle reali esigenze dell’utenza. 

Gli obiettivi formativi 

Fra gli obiettivi formativi di cui al comma 7 della legge 107, anche prendendo in considerazione quanto emerso da rapporto di autovalutazione e dal piano di miglioramento, l’Atto di indirizzo individua come prioritari i seguenti obiettivi: 

 rafforzare i processi di costruzione del curricolo d’istituto verticale e caratterizzante l’identità dell’istituto; 

strutturare i processi di insegnamento-apprendimento in modo che essi rispondano esattamente alle linee guida ed ai Profili di competenza, integrare funzionalmente le attività, i compiti e le funzioni dei diversi organi collegiali; potenziare ed integrare il ruolo dei dipartimenti e delle Funzioni Strumentali al POF; migliorare il sistema di comunicazione, la socializzazione e la condivisione tra il personale, gli alunni e le famiglie delle informazioni e delle conoscenze interne ed esterne relative agli obiettivi perseguiti, le modalità di gestione, i risultati conseguiti;  generalizzare l’uso delle tecnologie digitali tra il personale e migliorarne la competenza;  migliorare l’ambiente di apprendimento (dotazioni, logistica);  sostenere formazione ed autoaggiornamento per la diffusione dell’innovazione metodologico-didattica;  implementare i processi di dematerializzazione e trasparenza amministrativa;  accrescere la quantità e la qualità delle forme di collaborazione con il territorio: reti, accordi, progetti, fundraising e crowdfunding;  operare per il miglioramento del clima relazionale e del benessere organizzativo. 

 

Le strategie formative 

Per conseguire gli obiettivi formativi che si ritengono indispensabili alla nostra Istituzione scolastica, il Piano individua: 

 il fabbisogno di posti comuni, di sostegno, e per il potenziamento dell'offerta formativa, in riferimento alle linee di intervento; 

 il fabbisogno di ATA; 

 il fabbisogno di strutture, infrastrutture, attrezzature materiali; 

 le modalità di attuazione dei princìpi di pari opportunità, promuovendo ad ogni livello il rispetto della persona e delle differenze senza alcuna discriminazione (art. 1 c. 16 legge 107/2015 e CM. n. 1972 del 15/09/2015); 

 le azioni volte allo sviluppo di competenze digitali e alla costruzione di ambienti di apprendimento inclusivi (c.56 legge 107/2015); 

 le attività e i progetti di orientamento scolastico che saranno sviluppati con modalità idonee a sostenere anche le eventuali difficoltà e problematiche proprie degli studenti di origine straniera (art. 1 c. 32 Legge 107/2015). Tali problematiche dovranno essere adeguatamente affrontate; 

 la definizioni degli insegnamenti opzionali nel secondo biennio e nell’ultimo anno anche utilizzando la quota di autonomia e gli spazi di flessibilità (c. 28 della legge 107/2015); 

 l’attività di alternanza scuola lavoro come previsto dal c. 33 della Legge 107/2015. 

 le azioni volte alla valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche anche attraverso la metodologia CLIL, capace di stimolare un circolo virtuoso tra lingua e pensiero (c. 7 lett. a della legge 107/2015). 

 

La formazione come strategia 

Il Collegio definisce aree per la formazione professionale che siano coerenti con i bisogni emersi e che rispondano ad esigenze: 

 di tutela della salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro; 

 di promozione della conoscenza delle tecniche di primo soccorso; 

 di miglioramento dei risultati dell’Istituzione scolastica in termini di esiti di apprendimento e di sviluppo delle competenze di cittadinanza; 

 di aggiornamento delle singole discipline; 

 di innovazione metodologico didattica; 

 di miglioramento nelle aree della didattica, della valutazione e della certificazione delle competenze; 

 di sviluppo e diffusione dell’uso delle nuove tecnologie; 

 di sviluppo e aggiornamento professionale del personale tecnico ed ausiliario. 

 

Delle iniziative di formazione dovrà essere individuata la ricaduta attesa nell'attività ordinaria dell’Istituto. 6 

 

1.2 Il Piano di Miglioramento (Allegato n.2

La strategia del Piano di Miglioramento è il superamento della dimensione trasmissiva dell’insegnamento e l’innovazione dell’impianto metodologico – didattico, attraverso la formazione e l’autoaggiornamento. 

Gli obiettivi strategici appartengono al mandato istituzionale della scuola e sono: 

 garantire a tutti gli alunni il raggiungimento delle competenze “chiave”, non solo di tipo cognitivo ma anche sociale e relazionale; 

 orientare efficacemente gli alunni a divenire cittadini capaci e consapevoli; 

 incrementare e valorizzare le competenze professionali del personale; 

 favorire la motivazione e la soddisfazione del personale; 

 creare una sinergia con le famiglie orientate al benessere dei ragazzi; 

 

Priorità e traguardi 

Priorità 1 

Area degli esiti degli studenti: Risultati nelle prove standardizzate nazionali 

 Diminuire l'assenteismo alle prove, dovuto alla scarsa consapevolezza degli insegnanti e alla scarsa informazione/motivazione degli alunni. 

 Ridurre la variabilità degli esiti tra le classi. 

 

Traguardo 1 

 Ridurre al 25% nel primo anno, al 15% nel secondo anno e al 10% nel terzo anno, il tasso di assenteismo attualmente attestato sul 35%. 

 Ridurre la variabilità tra le classi per tendere ad un miglioramento del 10% in un triennio. 

 

Priorità 2 

Area degli esiti degli studenti: Competenze chiave e di cittadinanza 

 Non abbiamo strumenti di promozione e valutazione delle competenze chiave (curriculari). 

 

Traguardo 2 

 Individuazione di indicatori di valutazione delle competenze chiave. 

 

Obiettivi di processo del PdM 

 Organizzare un corso di formazione per docenti per la valenza metodologica della valutazione per competenze e l'importanza delle prove standardizzate. 

 Attivare un gruppo di lavoro che predisponga le griglie di valutazione per le competenze chiave e di cittadinanza. 

 Promuovere forme di innovazione didattica anche con l'utilizzo delle nuove tecnologie. 

 Attivare una simulazione delle prove e una partecipazione della loro valutazione alla certificazione delle competenze al termine dell’obbligo 

 Comunicare ai ragazzi il significato, gli obiettivi e le finalità delle prove per dare valore e significato alla partecipazione alle prove stesse. 

 Creare un archivio digitale di documentazione che accoglierà tutti i processi di autovalutazione, di miglioramento e di rendicontazione. 

 Incrementare forme di classi aperte nel biennio. 

 Istituzionalizzare prove parallele standardizzate per le materie Italiano, Matematica e Lingua Straniera del biennio. 

 

Obiettivi di processo per l’a.s. 2015-16 

Alla luce della scala si rilevanza il gruppo di Miglioramento ha individuato i seguenti 3 obiettivi di processo da attivare nel presente a.s. 2015-16. 

1. Organizzare un corso di formazione per docenti per la valenza metodologica della valutazione per competenze e l'importanza delle prove standardizzate. 

2. Attivare un gruppo di lavoro che predisponga le griglie di valutazione per le competenze chiave e di cittadinanza. 

3. Promuovere forme di innovazione didattica anche con l'utilizzo delle nuove tecnologie. 

 

2. IL CONTESTO 

2.1 Popolazione scolastica e risorse professionali 

L’Istituto ha una popolazione scolastica composta da 1622 studenti, 139 docenti e 48 unità dipersonale ATA, di cui 11Assistenti  Amministrativi, 18 Assistenti Tecnici e 18 Collaboratori Scolastici, oltre alla DSGA. Il trend degli ultimi anni vede un aumento costante delle iscrizioni, a cui non fa seguito un costante aumento del personale.

La Dirigente Scolastica è la prof.ssa Giuliana Ficini, dall’a.s. 2010-11.

2.2 Territorio e capitale sociale 

La storia dell’Istituto 

Nel 1887 fu inaugurata a Livorno la Scuola di Arti e Mestieri, con l’intenzione di preparare i giovani livornesi che l’avrebbero frequentata ad un lavoro specialistico nel settore delle industrie meccaniche e metallurgiche ma anche in quello delle Arti decorative. La nostra ha mantenuto quel carattere: la forte aderenza alle esigenze esterne, a quel territorio da cui e per cui nasce e che si riflette da sempre sui programmi e sulla varietà delle opportunità che offre ai suoi studenti al momento della scelta. Dopo il suo esordio ottocentesco come Scuola di Arti e Mestieri, si è poi rinnovata, nel corso del ‘900, con l’attivazione di specializzazioni che sono confluite negli attuali indirizzi, attraverso un percorso interno di continua riflessione per adeguarsi alle nuovefrontiere dello sviluppo.  Nella consapevolezza che la cultura scientifica e tecnologica sia  il motore fondamentale dello sviluppo del nostro paese, l’ ITIS Galilei ha sempre cercato di favorire i processi di partecipazione e di sensibilizzazione, non solo come contributo sostanziale alla crescita culturale del singolo e della nostra città ma nella convinzione, ieri come oggi, che essi fossero presupposto irrinunciabile del pieno esercizio di cittadinanza di ciascuno dei suoi allievi. La  storia rievocataè importante, come tutte le Storie, grandi e piccole, per comprendere l’oggi, la realtà quotidiana di questa scuola che è fatta di presenze, strutture, iniziative, progetti, idee, ma, soprattutto, dei nostri ragazzi che la animano e la rendono una presenza altamente qualificata, profondamente legata al tessuto economico-sociale della nostra città.

Aspetti culturali, economici e sociali del territorio 

Il territorio dove opera il nostro Istituto è stato ed è teatro di cambiamenti significativi. Il superamento della cultura della “grande fabbrica” secondo il modello fordista e della monocoltura portuale, sta innescando opportunità conoscitive e formative del tutto inedite, legate alla necessità di costruire un modello sostenibile e durevole. Gli Istituti Tecnici Industriali, sono nati per rispondere al bisogno di figure quadro intermedie nell’industria. Ora che il sistema industriale è investito da un così profondo processo di riconversione, ridimensionamento e diversificazione, quelle istanze che avevano generato e fatto crescere questi Istituti, tornano ad essere importanti; la carenza e l’esigenza di figure professionali qualificate per l’industria italiana, si pongono di nuovo al centro al centro della discussione pubblica e politica affidando nuovamente agli Istituti Tecnici in genere, e quelli Tecnologici in particolare, un ruolo significativo. L’ I.T.I.S. di Livorno è in grado di offrire quei saperi scientifici e tecnologici necessari alla realizzazione dei piani d’intervento locali in linea con le nuove richieste del mercato: la nascita di nuove attività produttive nell’ambito del terziario, la riconversione ecologica del sistema industriale e portuale, la realizzazione di progetti di bonifica  e di piani di prevenzione contro i rischi industriali, di retiinformatiche, la produzione e la gestione di energia alternativa o integrativa al petrolio e l’allestimento di strutture economiche capaci di valorizzare le piccole economie locali di qualità esistenti nel nostro territorio.  Abbiamo quindi una grossa  responsabilità nei confronti di questo territorio, perché siamo in grado di offrire, a coloro che ne rappresentano il futuro, l’adattabilità ai contesti, lavorativi e socio-culturali. Nel corso della sua storia l'I.T.I.S. di Livorno ha assolto alla funzione di formare i quadri tecnici dell'industria locale, contribuendo quindi in misura significativa allo sviluppo e all'evoluzione dell'intero comprensorio industriale di Livorno. Le continue e profonde modificazione degli insegnamenti e dei piani di studio hanno consentito all'Istituto di offrire una formazione professionale sempre aggiornata alle innovazioni tecnologiche e produttive, e fondata, in misura crescente, su una adeguata cultura tecnico-scientifica.

2.3 Risorse economiche e materiali: l’ambiente di apprendimento 

a. Strutture fisiche (Allegato n.3

L’istituto è compreso in un’unica sede che si estende su 26.000 metri quadri su cui insistono 12 edifici.

Un grande giardino, con strutture sportive e molte piante d’alto fusto, fa da collegamento agli edifici. Gli studenti svolgono attivit sportiva sia all’aperto, che al chiuso, nelle tre ampie palestre presenti.8 

 

La vocazione professionalizzante dell' Istituto è confermata dalla quantità e qualità delle infrastrutture didattiche: 32 laboratori ed 8 aule speciali, costruiti nel corso degli anni, in continuo adeguamento al mutare delle esigenze, sia didattiche, che scientifiche; due cineteche e due biblioteche di cui una  che è stata a lungo la più importanteraccolta scientifica della città, dotata di volumi che dagli inizi dell'Ottocento in poi documentano la storia dell'evoluzione dei differenti rami delle scienze. Molte aule sono dotate di LIM o altri strumenti informatici e l’obiettivo è quello di completare tutte le aule con strumentazioni che permettano la didattica laboratoriale. E’ presente un punto di ristoro per allievi e personale con adiacente sala.

b. Organizzazione dei processi didattici 

In tutte le classi le lezioni hanno la durata di 60 minuti.L'ampliamento dell'offerta formativa così come gli interventi didattici per il recupero, il consolidamento ed il potenziamento sono realizzate sia in orario curricolare che extra curricolare.

La scuola utilizza modelli comuni per la progettazione didattica e itinerari comuni per specifici gruppi di studenti (stranieri, BES etc.).

Vengono effettuate prove di ingresso su discipline trasversali quali l'italiano, la matematica e la lingua inglese.

I Regolamenti (Allegato n.4

La scuola è luogo di incontro di persone, e si fonda sul rispetto delle stesse e della loro autonomia di pensiero. I rapporti tra tutte le componenti scolastiche si basano sul colloquio e sulla partecipazione. L'obiettivo istituzionale fondamentale della scuola è la formazione e l'istruzione dei giovani. Tutta la comunità scolastica coopera per promuovere la crescita culturale, civile e professionale degli studenti e la loro educazione all'autogoverno e all'esercizio della democrazia, attraverso la partecipazione attiva alla vita dell'Istituto. Condizione indispensabile per la realizzazione dei compiti formativi della scuola è l'impegno responsabile, la collaborazione e l'auto disciplina di tutte le componenti della comunità scolastica, nel rispetto dei compiti e delle attribuzioni specifiche. 

Da queste premesse nascono i Regolamenti dell'Istituto ITIS “G. Galilei”: 

Regolamento di Istituto 

Regolamento Disciplinare e Organo di Garanzia 

Regolamento di Disciplina 

Regolamento Visite Guidate e Viaggi di Istruzione 

Il Patto educativo di corresponsabilità (Allegato n.5

Il “Patto di corresponsabilità educativa” è un accordo e un impegno formale e sostanziale tra genitori, studenti e scuola con la finalità di rendere esplicite e condivise, per l’intero percorso del primo ciclo di istruzione, aspettative e visione d’insieme del percorso formativo degli studenti. 

La scuola, oltre ad essere luogo deputato alla formazione culturale degli studenti attraverso l’insegnamento delle discipline, assume il ruolo fondamentale di affiancare i genitori nell’accrescimento dei figli sotto gli aspetti personale, relazionale e civile. 

Per costruire una forte alleanza educativa tra famiglia e scuola durante tutto il percorso di crescita dello studente, è necessaria una condivisione responsabile di valori quali fiducia, rispetto, solidarietà, collaborazione. 

2. 4 Risorse professionali 

L’organigramma (Allegato 6) 

Nella sezione Allegati è possibile prendere visone dell’organigramma degli incarichi assegnati per l’anno scolastico in corso. 

Le funzioni strumentali al POF 

Le funzioni strumentali al P.O.F. sono individuate dal Collegio dei docenti all’inizio di ciascun anno scolastico.

Illoro ruolo è in generale quello di mantenere informato il Collegio e i Dipartimenti in cui esso si articola dell’evoluzione del contesto nazionale e regionale in cui si inseriscono i percorsi didattici e le pratiche organizzative previsti dal P.O.F. per le proprie aree di interesse e di essere il riferimento organizzativo dei singoli docenti, dei Consigli di classe e dei Dipartimenti per le proprie aree di attività.

Le F.S. coordinano tra loro la gestione delle proprie aree di interesse ed attività e collegialmente propongono al Collegio dei docenti la revisione annuale del P.O.F..

Le F.S. coordinano le proprie attività con i docenti che il D.S. individua per coadiuvarlo in attività di supporto organizzativo e didattico. Il collegio, se la FS ne rileva la necessità,  prevede la costituzione di un adeguato gruppo di lavoro di supporto.9 

F.S.

Denominazione

Aree di interesse e di attività

1

Curricolo di Istituto e autonomia

 

Curricolo nazionale ed esame di Stato 

Curricolo di Istituto 

Progetto S&TA 

Gestione dei tempi e degli spazi 

 

2

Progettazione, programmazione e valutazione

 

Progettazione e programmazione didattica 

Verifica e valutazione (disciplinare, interdisciplinare, “per assi”, “delle competenze”, …) 

Attività di recupero 

 

3

Ambiente di apprendimento

 

Innovazione didattica e metodologica 

Progetto “scuola digitale” (implementazione del PNSD) 

 

4

Inclusione e valorizzazione

 

Inclusione (studenti diversamente abili, studenti stranieri, studenti in difficoltà, …) 

Progetti di valorizzazione delle eccellenze 

 

5

Continuità e orientamento

 

Orientamento (in ingresso, in itinere, in uscita, …) 

 

6

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

 

Piano annuale di formazione 

Monitoraggio della valutazione espressa da studenti e genitori al termine del primo biennio e dell’ultimo anno 

Portfolio docenti 

 

7

Integrazione con il territorio

 

Alternanza scuola-lavoro (attuazione e valutazione) 

Interfacciamento con il Comitato Tecnico-Scientifico