Erasmus Plus Progetto "CET", Meeting in Romania

Si è da poco conclusa la tappa a Buzau in Romania del progetto Erasmus Plus, Communication and Education by Trasmedia.

Hanno partecipato a questo meeting Giorgio Casali, Federico Menici e Sara Mariottini accompagnati dai professori Agen, Formichi, Fontana e dalla dirigente scolastica Giuliana Ficini.

I temi approfonditi in questa sede sono stati molteplici: sicurezza in Internet, applicazioni di utilizzo didattico, licenze Creative Commons e siti Internet ad esse collegati.

I nostri ragazzi Livornesi hanno presentato il primo giorno un gioco dal nome “Socialopoli” inventato e creato dagli studenti informatici della nostra scuola e al quale possono giocare tutti (è adatto in particolare ai ragazzi delle elementari). Si tratta di un gioco sullo stile del monopoli nel quale però le domande proposte riguardano la sicurezza sui Social-Network.

Nella stessa giornata è stato anche presentata un applicazione chiamata GPS Alarm utile per quelli studenti o professori che essendo pendolari spesso si riposano sul treno o sull'autobus e possono così non accorgersi della giusta fermata alla quale scendere. Questa App consente loro, attraverso il GPS, di far suonare la sveglia qualche minuto prima di arrivare a destinazione.

L'ultimo giorno l'attenzione si è rivolta più prettamente alla didattica e anche stavolta il nostro Team dell'Iti Galilei si è fatto portavoce di nuove idee in questo campo: Guida e utilizzo di Whatsapp per le classi e Manuale di Creative Commons il quale comprende anche qualche link in cui trovare lezioni già pronte su molteplici materie scolastiche con licenza Creative Commons.

Questa esperienza è stata molto apprezzata da tutti i ragazzi poiché ha fornito loro l'opportunità di interagire con persone della loro età con abitudini, lingua e cultura diverse. Progetti come questi arricchiscono non solo dal punto di vista didattico, ma anche personale, poiché oltre all'uso richiesto della lingua inglese si possono cogliere aspetti della vita che nel nostro paese mancano e che fanno tornare i partecipanti con nuove idee, nuovi giudizi, nuove consapevolezze e soprattutto con una mente più aperta verso il mondo che li circonda.