I Cookies ci aiutano a migliorare i nostri servizi, cliccando sul pulsante "Accetto" si acconsente all'utilizzo di tali Cookies. Proseguendo nella navigazione senza cliccare il pulsante, l'accettazione sarà considerata implicita.
Il documento relativo alla trattazione dei Cookies in questo portale web verrà visualizzato premendo il pulsante "Cookies Policy".

Anniversario delle 'Giornate della Difesa di Livorno'

Gli studenti dell 'I.T.I.S Galilei ricordano la Difesa di Livorno del maggio 1849

foto foto

Livorno, 16 maggio 2014 - E' l'anniversario delle 'Giornate della Difesa di Livorno', in cui si ricorda leroica resistenza della cittàdallassedio delle truppe austriache del 10 e 11 maggio 1849.

foto foto foto

Il programma delle celebrazioni, promosso dal Comitato Livornese per la Promozione dei Valori Risorgimentali in collaborazione con il Comune di Livorno e numerosi altri enti ed istituzioni, prevedeva, come da tradizione, sfilate, deposizioni di corone, momenti istituzionali in ricordo del contributo dato dalla cittàal Risorgimento italiano, cori e balli in costume. Stamani alle 9.30 c'è stato il ritrovo in Piazza Bartelloni (Porta San Marco), che fu teatro della difesa risorgimentale. Qui hanno avuto  inizio le celebrazioni con allocuzioni delle autoritàe deposizione di una corona alle lapidi dei Caduti.

Alla celebrazione ha partecipato una delegazione di nostri studenti  accompagnati dalla Dirigente Scolastica Giuliana Ficini e dalla prof.ssa Giannini,  che si sono riuniti con altri circa 600 studenti delle scuole della città di ogni ordine e grado. Il corteo dei partecipanti , accompagnato dalla Fanfara dellAccademia Navale ,  si è poi  trasferito in Piazza Garibaldi  dove è stata  deposta una seconda corona alla statua dellEroe dei Due Mondi.

foto foto

Gli organizzatori hanno deciso per la prima volta di premiare il nostro Istituto con una targa  ed una medaglia,  con la seguente motivazione: " ....per aver sempre offerto il pieno appoggio alle iniziative del Comitato livornese per la promozione dei valori risorgimentali, coinvolgendo insegnanti, studenti e strutture dell'istituto". Un grande onore per la Dirigente e per i docenti che tanto hanno fatto per rappresentare ai nostri studenti l'importanza di tali eventi storici, di cui riportiamo in calce una breve nota.

 

 Il Maggio livornese

 

Nel 1848 iniziano in Italia e in Toscana i primi moti risorgimentali. Nei libri di storia si citano spesso le giornate delle eroiche difese di Milano, Brescia, Venezia; meno si ricordano altri avvenimenti come quello che passò alla storia come le due giornate del maggio livornese, il 10 e l11 maggio del 1849.  Livorno era insorta lanno prima, il 6 gennaio del 1848. Francesco Domenico Guerrazzi, Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini furono i personaggi che a più riprese esortarono i livornesi a continuare nella loro lotta. Lanno dopo, l11 maggio del 1849, larmata austriaca comandata dal feldmaresciallo Costantino Hoobreuck, barone dAspre, dopo due giorni di combattimenti, entrò in Livorno attraverso una breccia aperta nelle mura tra porta San Marco e porta Fiorentina. Molti livornesi tra cui Enrico Bartelloni detto il gatto vennero fucilati, altri, come Andrea Sgarallino che comandava i Bersaglieri della Morte, furono costretti a fuggire. Sgarallino se ne andò in America, dove partecipò in California alla mitica corsa alloro, per poi ritornare a Livorno e partecipare allimpresa dei Mille guidata da Giuseppe Garibaldi.