I Cookies ci aiutano a migliorare i nostri servizi, cliccando sul pulsante "Accetto" si acconsente all'utilizzo di tali Cookies. Proseguendo nella navigazione senza cliccare il pulsante, l'accettazione sarà considerata implicita.
Il documento relativo alla trattazione dei Cookies in questo portale web verrà visualizzato premendo il pulsante "Cookies Policy".

didattica

Il profilo del tecnico chimico-biologo sanitario  prevede l'integrazione di conoscenze e competenze di tipo chimico, biologico e tecnologico orientate verso l'aspetto sanitario. 

Basilare è la Biologia Generaleindispensabile per affrontare lo studio delle altre discipline biologiche come Anatomia Fisiologia del corpo umano, Igiene Legislazione Sanitariache si occupa dei fattori che condizionano la salute umana e delle normative che la tutelano, eMicrobiologiache ha per oggetto 10 studio dei microrganismi che contaminano l'acqua, l'aria, il suolo, gli alimenti e quelli coinvolti nei processi di depurazione. 

La Chimica rimane comunque uno dei cardini dell'indirizzo, presente per l'intero triennio conAnalisi Chimica Analisi Strumentalein cui vengono studiate le tecniche e gli strumenti per l'analisi chimica dei campioni di acqua, aria, suolo e alimenti.
Punto di contatto tra la parte biologica e quella chimica è la Biochimicache tratta i fenomeni biologici le cui basi chimiche sono studiate precedentemente in Chimica OrganicaLe leggi che regolano i danni provocati dall'intervento dell'uomo e le possibili soluzioni sono prese in esamedall'Ecologiapreliminare al corso di Impiantidove si considerano le tecnologie principali per limitare l'impatto ambientale delle sostanze nocive. 

In questo contesto sono naturalmente importanti le capacità operative di laboratorio che dovranno essere applicabili anche sul campo alla realtà del territorio. 
Alle materie di indirizzo sono perciò dedicati oltre i due terzi delle ore  di lezione, di cui circa la metà prevede attività pratiche. 
Nel corso del triennio gli allievi dovranno aver acquisito :

  • Conoscenze generali sull'ambiente naturale, le sue caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, e sui fenomeni di alterazione ambientale
  • Capacità di eseguire le principali analisi chimiche e batteriologice sui vari comparti ambientali
  • Competenze nel valutare i dati analitici, nel dimensionare impianti nell'ambito delle tecnologie di depurazione e nel correlare dati chimici e microbiologici alla valutazione dello stato del territorio

GLI STUDI UNIVERSITARI
Volendo proseguire io studio, il diploma dà accesso a tutte le facoltà universitarie, gli sbocchi più naturali però sono senz'altro BIOLOGIA, CHIMICA, FARMACIA, SCIENZE NATURALI, MEDICINA VETERINARIA. Qualora ci fosse un interesse specifico alla progettazione vera e propria di impianti o apparecchiature "antinquinamento",la facoltà da seguire sarebbe INGEGNERIA CHIMICA.