I Cookies ci aiutano a migliorare i nostri servizi, cliccando sul pulsante "Accetto" si acconsente all'utilizzo di tali Cookies. Proseguendo nella navigazione senza cliccare il pulsante, l'accettazione sarà considerata implicita.
Il documento relativo alla trattazione dei Cookies in questo portale web verrà visualizzato premendo il pulsante "Cookies Policy".

Colletta alimentare

spesa spesa spesa spesa

______________________________________________

Lettera di Caterina Pierotti

Frequento l’ITIS Galileo Galilei di Livorno e, insieme ad altri miei compagni, ho deciso di partecipare alla Colletta Alimentare, esperienza completamente nuova per tutti noi. Non solo: ma come rappresentante di classe mi sono occupata anche della raccolta dei generi alimentarinelle singole classi, notando con grande piacere un' ottima partecipazione da parte di studenti, professori e dipendenti della nostra scuola.

E’ stata un’esperienza davvero particolare sotto molti aspetti. Ci ha insegnato un sacco di cose; principalmente abbiamo imparato a rapportarci con gli altri e soprattutto con gli adulti. Ovviamente eravamo perfetti sconosciuti per ognuno di loro (se non casi particolari quali amici e parenti) e abbiamo dovuto “arrangiarci” nel migliore dei modi.

Ho passato tutto il pomeriggio all’interno dell’Ipercoop, cercando di fermare più persone possibili. Inizialmente ero scoraggiata perché credevo che molti non si sarebbero mostrati interessati: avevo paura dei rifiuti. Mi sono ricreduta in pochissimo tempo perché, appena ho fermato la prima persona indaffarata a fare la spesa, mi sono resa conto che la gentilezza e i sorrisi vengono sempre ricambiati. Ovviamente non posso sapere quanti abbiano deciso di partecipare e quanti no, ma ricordo perfettamente l’entusiasmo di molte persone che si sono perfino fermate a parlare con noi ragazzi chiedendo informazioni su questa iniziativa. Non c’è stato nessuno che si è mostrato totalmente indifferente alla cosa, anche se la maggior parte delle persone era impegnata a fare la spesa. Un ricordo bellissimo, che penso non dimenticherò tanto facilmente, è quello di alcuni bambini che venivano da noi, magari mandati dai genitori, chiedendo timidamente una busta per poter fare la Colletta.

Ritengo davvero che sia stata un’esperienza unica nel suo genere, anche solo per il fatto che eravamo tutti giovani volontari che hanno deciso di impegnare un sabato pomeriggio.

Inizialmente eravamo un po’ tutti spaventati all’idea di dover fermare delle persone sconosciute, ma poi ci siamo sentiti completamente coinvolti nella cosa e nessuno di noi ci ha più pensato.

Penso che questi tipi di eventi non debbano essere dati per scontati e purtroppo so che  molti non danno loro la giusta importanza. In fondo noi eravamo li per aiutare delle persone e bambini che avevano bisogno di “una piccola mano”. Comprare un pacco di biscotti o una passata di pomodoro per pochi centesimi, è un gesto che la maggior parte di noi si può permettere, e quando si compiono questi semplici gesti quotidiani non si pensa mai che ci sono persone che non possono farlo.

Credo che eventi come la Colletta Alimentare debbano essere fatti più spesso e coinvolgere le scuole è una bellissima iniziativa. Io e i miei compagni abbiamo aderito con grande entusiasmo perché ci siamo resi conto che era un’ottima occasione per aiutare qualcuno.

Alla fine ci siamo divertiti, siamo stati insieme, abbiamo fatto esperienza e abbiamo capito cosa vuol dire aiutare. Inoltre abbiamo imparato anche a dare molta più importanza alle piccole azioni quotidiane, che troppo spesso vengono date per scontate.

Sono esperienze che lasciano un ricordo meraviglioso e un sorriso stampato in faccia ogni volta che si ricordano…

 

                                                                                            Caterina Pierotti

_______________________________________________________

Mail di ringraziamenti:

Buongiorno prof.ssa Patrizia Garsia e prof.ssa Alessandra Cardini,

mi scuso innanzitutto per scrivere questa mail solamente adesso, ma siamo già impegnati a distribuire gli alimenti della colletta agli enti caritatevoli e purtroppo tra lavoro, famiglia e distribuzione il tempo è sempre molto tiranno.

Colgo l’occasione, anche se tardiva, per ringraziare voi e tutti gli altri membri del corpo docenti dell’Istituto che hanno aiutato i ragazzi a svolgere questa iniziativa sia la mattina a scuola che il pomeriggio stesso al supermercato.

Per dovere di cronaca durante la mattina sono stati raccolti e confezionate 31 scatole di generi alimentare per un totale di 293 Kgs.!!

Mi fa anche piacere riferirle che il direttore dell’Ipercoop ha ringraziato, tramite sms, il capo equipe per il modo in cui i volontari si sono comportati il giorno della Colletta : quando sono stato il pomeriggio al supermercato ho visto alcuni dei ragazzi e mi sono commosso per il loro 

Da ultimo, vorrei invitare sia lei che la prof.ssa Cardini ad una assemblea di tutti i volontari che terremo lunedì 16 p.v. alle ore 21,15 presso i locali della Fondazione S. Carlo Borromeo in via Lopez 44 (le allego la locandina) nella quale vorremmo condividere le esperienze, i fatti, ciò che ha colpito ognuno durante la giornata della Colletta Alimentare. Per questo Le chiederei anche, a vostro giudizio, se qualcuno dei ragazzi che hanno partecipato a questo gesto volesse o raccontare direttamente la sua esperienza, oppure anche scriverla così da pubblicarla sul sito internet della Fondazione. Sarebbe una bella testimonianza per tutti.

Spero che l’esperienza fatta sia stata positiva sia per i ragazzi che per voi, e che questa si possa ripetere il prossimo anno.

Spero di vedervi lunedì o di ricevere da voi le vostre testimonianze e quelle dei ragazzi.

Grazie per il vostro impegno e per la vostra disponibilità.

Vi auguro buon fine settimana.

Pier Giorgio Novelli