I Cookies ci aiutano a migliorare i nostri servizi, cliccando sul pulsante "Accetto" si acconsente all'utilizzo di tali Cookies. Proseguendo nella navigazione senza cliccare il pulsante, l'accettazione sarà considerata implicita.
Il documento relativo alla trattazione dei Cookies in questo portale web verrà visualizzato premendo il pulsante "Cookies Policy".

Donne del mondo salvate dall’oblio, Estela Carlotto

Evento: 5° Concorso Annuale “Donne del mondo salvate dall’oblio”

Estela Carlotto e la Resistenza de Plaza de Mayo per il il diritto all'identità dei loro Nipoti

Sono intervenuti:

Estela Carlotto, presidente di Abuelas de Plaza de Mayo

Buscarita Roa, Abuela de Plaza de Mayo

Carlos Cherniak, Capo Ufficio Politico e Diritti Umani dell'Ambasciata d'Argentina

Estratti dall'intervento di Estela Carlotto:

  

Estratto dell'intervento di Carlos Cherniak

 

Esibizione dal vivo degli Studenti del nostro Istituto 

  

Il nostro Istituto ha partecipato all''evento che si è tenuto Venerdì 29 Novembre, dalle ore 9,00 alle 12,30 a Livorno nel TEATRO GOLDONIcon un contributo video realizzato dai nostri studenti, coadiuvati da docenti di materia alternativa:

Professori: Taurasi Giorgio (musiche originali), Taddei Chiara (voce), Castaldo Michela (immagini). 

Studenti: 2H: Dodoli, Minati, Trocar, Vivone - 2I: Agabiti, Pellegrini, Romagnoli C., Romagnoli N., Adinolfi - 3BMEM: Meglio - 3AENC: Lo Giudice - 3ABIA: Cervasio 

Coordinatore del progetto: prof. Agen Federico.

 

- Per il 2013, le Associazioni proponenti  hanno deciso di trattare  il caso di una donna che viene dall’Argentina: Estela CARLOTTO. E’ la Presidente e una delle cofondatrici di “Abuelasde Plaza de Mayo”, associazione di donne che durante l’ultima dittatura in Argentina (1976 – 1983) hanno lottato prima come “Madres de Plaza de Mayo”, alla ricerca dei loro figli “Desaparesidos”, poi come “Nonne” alla ricerca dei loro “Nipoti” nati in carcere ed anch’essi misteriosamente scomparsi. 

Il lavoro propedeutico nelle scuole, verrà curato  dalle Associazioni proponenti, attraverso la presentazione di materiale documentale sul caso trattato, con la collaborazione degli insegnanti degli Istituti Superiori che parteciperanno all’iniziativa.

Agli studenti e alle studentesse si chiede la produzione di testi inediti letterari  o poetici, di performance  teatrali o musicali, di quadri o sculture,   che  dovranno   pervenire   alla Commissione Esaminatrice entro  il  23 Novembre 2013. A tal fine il materiale va indirizzato alla Segreteria del Concorso, sotto indicata, segnalando i recapiti del mittente.

La Commissione Esaminatrice composta da: WILPF, CIEP,  Commissione Pari Opportunità della Provincia di Livorno, FENALC, Associazione SequenzeCultura, Cooordinamento Comunità Straniere e CESDI, sceglierà i lavori più significativi da presentare a  Estela Carlotto  durante l’ evento pubblico. L’INCONTRO DEGLI STUDENTI CON LA SIGNORA CARLOTTO  E CON UN/A NIPOTE RITROVATO/A, avverrà VENERDÌ 29 NOVEMBRE 2013, dalle ore 9,00 alle 12,00 a Livorno nel TEATRO GOLDONI, Via Goldoni, 83.-

 

Testo tratto da: Epoca (Gotan Project) Traduzione

Si desapareció 
en mi aparecerá 
creyeron que murió 
pero renacerá 

Llovió, paró, llovió 
y un chico adivinó 
oímos una voz, y desde un tango 
rumor de pañuelo blanco 

No eran buenas esas épocas 
malos eran esos aires 
fue hace veinticinco años 
y vos existías, sin existir todavía 

Si desapareció 
en mi aparecerá 
creyeron que murió y aquí se nace, 
aquí la vida renace 

No eran buenas esas épocas 
malos eran esos aires 
fue hace veintinco años 
y vos existías 

No eran buenas esas épocas 
malos eran esos aires 
fue hace veinticinco años 
y vos existías, sin existir todavía 

Se scomparve
in me riapparirà
credevano che fosse morto
però rinascerà

Piovve, smise, piovve
e un ragazzo lo predisse
udimmo una voce, e poi un tango
rumore di fazzoletto bianco

Non erano buone queste epoche
cattive erano quelle arie
fù venticique anni fa
e tu esistevi, senza tuttavia esistere

Se scomparve
in me riapparirà
credevano che fosse morto e qui si nasce,
qui la vida rinasce

Non erano buone queste epoche
cattive erano quelle arie
fù venticique anni fa
e tu esistevi

Non erano buone queste epoche
cattive erano quelle arie
fù venticique anni fa
e tu esistevi, senza tuttavia esistere