Parlare di Cyberbullismo per non “Cadere nella Rete”

Un momento sicuramente interessante ed istruttivo quello in cui alcune classi seconde dell’ITIS “G.Galilei”, nella mattinata di martedì 13 marzo, hanno incontrato, nell’Aula Magna dell’Istituto, il Sovrintendente del Compartimento Polizia Postale Toscana - Sezione Livorno, Leonardo Pezzatini, per parlare di Cyberbullismo e dei pericoli della rete.

Il relatore, grazie alla sua esperienza e professionalità, è riuscito adattirare l’attenzionedei numerosi ragazzi presenti, non solo informandoli sui rischi che corrono navigando sul web, ma avvalendosi anche di esempi legati a storie reali, in cui sono stati coinvolti adolescenti, e divenute tristemente note per l’epilogo in alcuni casi molto tragico.

Il cyberbullismo, come riferito da Pezzini, è purtroppo un fenomeno molto diffuso e difficile da debellare, soprattutto per la sua capillarità e capacità di diventare virale in pochissimo tempo.

E’ quindi opportuno e doveroso che i ragazzi siano non solo informati dei pericoli che corrono, ma che siano anche guidati ed indirizzati ad un uso corretto dei social network, piattaforma di incontro attualmente tanto sfruttata quanto potentemente rischiosa, soprattutto per i giovani.

Devono conoscere inoltre quali sono gli atteggiamenti e le procedure da seguire nel caso si trovino “intrappolati” nella rete: parlare con i genitori, con gli insegnanti, non assumere comportamenti omertosi e, soprattutto, rivolgersi agli organi competenti, come la Polizia Postale.

La conferenza, durata circa due ore e animata anche da alcuni momenti di dibattito tra il relatore e gli studenti stessi, rientra nel progetto di Educazione alla legalità, attraverso il quale le insegnanti referenti, professoressa Patrizia Garsia e professoressa Cecilia Razzauti, sin dall’inizio dell’anno, stanno cercando di sensibilizzare gli alunni riguardo a problematiche che li interessano direttamente.