Comunicato del MIUR su Vincita Zero Robotics

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - Ufficio Stampa

COMUNICATO STAMPA

Scuola, tre squadre italiane vincono Zero Robotics 2017/2018 Fedeli: "Grande orgoglio per questi risultati. Sosteniamo queste eccellenze: ogni investimento su nuove generazioni è un investimento sul futuro"
Sono tre le squadre italiane che, giovedì scorso, sono state proclamate vincitrici del Campionato Mondiale di Zero Robotics, il torneo internazionale tra studentesse e studenti delle scuole superiori che si sfidano nella programmazione degli Spheres (Synchronized Position Hold, Engage, Reorient Experimental Satellites), piccoli satelliti sferici realizzati dal MIT (Massachusetts Institute of Technology) e ospitati all'interno della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Le squadre erano composte da alunne e alunni dell'ITIS G.B. Pininfarina di Moncalieri, dell'ITIS G. Galilei di Livorno, del Liceo Scientifico Statale Leonardo Da Vinci di Treviso, del Liceo Scientifico Statale E. Fermi di Padova e dell'IISS Ettore Majorana di Seriate, che hanno sviluppato, in collaborazione con altre studentesse e studenti americani, programmi per controllare, in modo completamente autonomo, i robot a bordo dell'ISS.

"Sono molto orgogliosa dei risultati delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi ha dichiarato la Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca,Valeria Fedeli - che si sono aggiudicati nei giorni scorsi un posto sul podio del Campionato Mondiale di Zero Robotics. Voglio complimentarmi con loro. Non solo per la loro eccellenza, riconosciuta ampiamente dai premi ottenuti, ma per la loro passione, la loro intraprendenza e la loro voglia di mettersi in gioco. Hanno dimostrato di avere grandi sogni e con questi anche la determinazione a realizzarli attraverso lo studio, la ricerca, il confronto anche in contesti internazionali. Queste straordinarie intelligenze sono da stimolo per la nostra azione di governo: abbiamo il dovere di sostenerle e di mettere in campo interventi per costruire un futuro all'altezza delle loro ambizioni. Ogni investimento sulle nuove generazioni è un investimento sul domani del nostro Paese e del mondo intero".

Alla Zero Robotics Competition 2017/2018, concorso organizzato per la parte italiana, fra gli altri, dal Politecnico di Torino, dall'Università di Padova, dall'Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, dalla Rete Robotica a Scuola e dall'Agenzia Spaziale Italiana, insieme al Massachusetts Institute of Technology (MIT), alla NASA e all'Agenzia Spaziale Europea (ESA), hanno partecipato squadre provenienti da scuole superiori di Stati Uniti, Italia, Australia, Russia, Germania, Romania, Messico, Spagna, Francia, Regno Unito, Belgio, Polonia, Corea del Sud, Grecia, Repubblica Ceca, Canada, Ungheria. Fra le nazioni europee, l'Italia è di gran lunga quella col maggior numero di scuole partecipanti. Quest'anno, inoltre, per la prima volta la branca europea della finale mondiale si è tenuta in Italia, a Torino: il Politecnico ha ospitato nei giorni scorsi 150 delle ragazze e dei ragazzi arrivati in finale, che hanno potuto assistere in diretta all'ultimo torneo della competizione, che si è svolto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e in collegamento con il MIT di Boston e con l'Università di Sidney.

Roma, 13 gennaio 2018